In Italia, i marchi registrati godono di vantaggi fiscali e legali rispetto a quelli non registrati. Innanzitutto, il marchio registrato è considerato un bene immateriale e come tale è soggetto a tutela giuridica. Inoltre, il suo possesso consente di evitare eventuali contenziosi legali con altri titolari di marchi simili o identici.

Il “bene immateriale” è un concetto che si riferisce a quei beni culturali che non hanno una forma fisica o materiale, ma che rappresentano un patrimonio culturale e storico per una comunità o una nazione. Questi beni possono essere espressioni artistiche, tradizioni popolari, lingue, conoscenze e pratiche legate all’artigianato, alla gastronomia, alla musica, alla danza e ad altri aspetti della cultura.

La valorizzazione dei beni immateriali è importante per preservare la diversità culturale e per promuovere il dialogo interculturale. In Italia, ad esempio, la lista dei patrimoni immateriali dell’umanità dell’UNESCO include la dieta mediterranea, la tradizione dei cantastorie, la cerimonia della festa dei Gigli di Nola, il teatro dei burattini siciliani e molte altre espressioni culturali che rappresentano il patrimonio storico e culturale del Paese. La tutela e la valorizzazione dei beni immateriali sono quindi fondamentali per la salvaguardia dell’identità culturale e per la promozione della diversità e dell’inclusione.

In ambito fiscale, il proprietario di un marchio registrato può godere di agevolazioni come la deducibilità dei costi sostenuti per la registrazione e la difesa del marchio stesso. Inoltre, il marchio registrato può essere utilizzato come garanzia per l’ottenimento di finanziamenti o prestiti bancari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

×

Ciao!

Fai clic su uno dei nostri contatti qui sotto per chattare su WhatsApp

×